POESIE DI NATALE

     NATALE 

 

Insieme col candore della neve

ecco apparire una lucente stella.

Noi la seguiam con passo anelo e lieve,

e va la nostra fantasia con quella

 

verso la grotta benedetta,dove

è già venuto al mondo il Bambinello

che ora riscaldan mansueto il bove,

la mite pecorella e l'asinello.

 

Fra tanto odio,rifiuto e indifferenza

ecco ch'è giunta una preziosa vita

che fa santa l'umana sofferenza:

 

è l'Uomo-Dio, è la novella face

che il cuore illumina e alla genti addita

la vera via d'amor verso la pace.

 

        NATALE 

 

Tace il creato

in questa algente

notte di mistero:

ed ecco una stella

squarcia il cielo

ed un vagito

rompe il silenzio.

E' la luce

 

    è la voce del Signore

    che invita a genufletterci

    e pregare

    per accoglier l'amore

    del Padre attraverso

    quel Bimbo divino:

    e l'eternità

    s'è fatta tempo.

                             

                            1993

 

 

Natale pace alla gioventù

 

Vaghe Tersìcori un dì, Efèbi insieme,

che ansiosi a incerta Ippòcrene suggete,

sereno un dolce canto il cor mi preme:

carpite l'ore, sì, fugaci e liete.

 

Fuga la vita il vento, il ciel s'offusca

e tutto nel dolore il tempo miete.

Solo d'amor la fiaccola corrusca

de la Fede trascende a accelse mete.

 

No, no! La danza non obliate intanto,

chè in letizia sol passa ogni bufera:

questa vien legge dal sermone santo

 

e da chi è già alla soglia de la sera.

Pace a la gioventù, Natale è canto.

Via tarlo del pensier, tremenda fiera!

 

 

 

| torna indietro |